Warning: opendir(images/stories/fruit/): failed to open dir: No such file or directory in /var/www/vhosts/sisposarsi.com/httpdocs/modules/mod_vtem_banners/helper.php on line 18

Warning: readdir() expects parameter 1 to be resource, boolean given in /var/www/vhosts/sisposarsi.com/httpdocs/modules/mod_vtem_banners/helper.php on line 20

Warning: closedir() expects parameter 1 to be resource, boolean given in /var/www/vhosts/sisposarsi.com/httpdocs/modules/mod_vtem_banners/helper.php on line 27

Warning: array_multisort(): Argument #1 is expected to be an array or a sort flag in /var/www/vhosts/sisposarsi.com/httpdocs/modules/mod_vtem_banners/helper.php on line 38

Sposarsi a Viterbo e Provincia

Viterbo

(Vitèrbe in dialetto viterbese)

comunedi 64.507 abitanti ,

capoluogo dell'omonima provincia

nel Lazio settentrionale

o del Alto Lazio, situata sulle

prime pendici dei Monti Cimini

e distesa a ovest verso la pianura

maremmana. La città ha un

vasto centro storico di origine

medioevale cinto da mura,

circondato da quartieri moderni,

tranne che a sud-ovest, dove

si estendono zone archeologiche

e termali. Viterbo è nota come

la "Città dei Papi".

 (La Macchina di Santa Rosa) 

 

Convento di San Francesco www.conventodisanfrancesco.it

 Nel XIII secolo fu infatti sede pontificia e per circa 24 anni il Palazzo dei Papi di Viterbo

ospitò e vi furono eletti vari Papi. La città è famosa per il trasporto della

Macchina di Santa Rosa, tradizionale e spettacolare manifestazione che si svolge

ogni anno il 3 settembre in onore della Santa patrona, è una torre illuminata da

fiaccole e luci elettriche, realizzata in metalli leggeri e in materiali moderni quali

la vetroresina (che hanno sostituito da diversi anni il ferro, il legno e la cartapesta),

alta circa trenta metri e pesante cinquanta quintali, viene portata a spalla da cento

uomini, (Facchini di Santa Rosa), lungo un percorso di poco più di un chilometro

articolato tra le vie, talvolta molto strette, e le piazze del centro cittadino, si conclude

nella piazza antistante il Santuario di Santa Rosa, dedicata ai Facchini, durante

il trasporto, che comincia alle ore 21 le vie interessate vengono oscurate per far

risaltare la luce La Macchina di Santa Rosa. Il trasporto rievoca simbolicamente la

traslazione della salma di Santa Rosa, avvenuta a Viterbo nel 1258 per disposizione

di Alessandro IV, dall'allora Chiesa di Santa Maria in Poggio alla chiesa di Santa

Maria delle Rose (oggi Santuario di Santa Rosa).

Il centro storico di Viterbo è conosciuto come uno dei più belli e meglio conservati

d'Italia. La maggior parte degli antichi monumenti presentano fondamenta di

ancora più antica origine. Sicuramente una delle attrazioni principali è rappresentata

dal Palazzo Papale, una struttura del XIII secolo, situata in un bellissimo panorama

che viene meglio apprezzata dalla loggia gotica.

La Cattedrale di San Lorenzo è un altro monumento di notevole importanza,

costruito in stile Romanico al di sopra di Tempio dedicato a Ercole. Al suo interno

sono da ammirare la bellissima e elegante pavimentazione, sicuramente rara nella

maggior parte delle chiese italiane. Il bellissimo campanile in stile gotico del

XIV secolo di influenza tipica senese.

La chiesa ospita il sarcofago di Papa Giovanni XXI e il bellissimo quadro della Benedizione

del Cristo di Girolamo da Cremona (1472).

Chiesa di Santa Rosa del XIX secolo che ospita la tomba della Santa, famosa è

soprattutto la festa a lei dedicata.

Chiesa di Santa Maria della Salute, in stile gotico, con un ricco e elegante portale.

Chiesa del Gesù del XI secolo in stile Romanico nota per essere stato il luogo nel

quale Simone di Monteforte pugnalò a morte il Principe Henry di Cornovaglia, figlio

di Re Riccardo I d'Inghilterra.

Chiesa di Santa Maria della Verità con alcuni eleganti affreschi del primo

Rinascimento delLorenzo da Viterbo situati nella Capella Mazzatosta.

Chiesa di San Francesco, costruita al di sopra di una fortezza lombarda, la quale

ospita il sepolcro di Papa Adriano V (1276) e di Papa Clemente IV (1268).

Chiesa di Santa Maria Nuova, la Chiesa di San Sisto del IX

. Chiesa di San Giovanni in Zoccoli del XI secolo.

Il Museo Civico infine ospita una bellissima collezione di reperti archeologici

dall' erapreistorica ai tempi dei Romani.

Il Palazzo Comunale del 1460 costituisce un altro ‘must'da visitare in quanto ospita

una serie di affreschi del XVI secolo in stile Barocco del Ligustri e del Cavarozzi.

Palazzo del Potestà del 1264.

Palazzo degli Alessandri nel vecchio distretto, un tipico Palazzo Patrizio

della Viterbo medievale.

Palazzo della Prefettura che fu interamente ricostruito nel 1771 situato nella bella

Piazza del Plebiscito dove si ammira il simbolo della città, i leoni e le palme.

Mola Bella Catering & Banqueting www.ristorantemolabella.it