Warning: opendir(images/stories/fruit/): failed to open dir: No such file or directory in /var/www/vhosts/sisposarsi.com/httpdocs/modules/mod_vtem_banners/helper.php on line 18

Warning: readdir() expects parameter 1 to be resource, boolean given in /var/www/vhosts/sisposarsi.com/httpdocs/modules/mod_vtem_banners/helper.php on line 20

Warning: closedir() expects parameter 1 to be resource, boolean given in /var/www/vhosts/sisposarsi.com/httpdocs/modules/mod_vtem_banners/helper.php on line 27

Warning: array_multisort(): Argument #1 is expected to be an array or a sort flag in /var/www/vhosts/sisposarsi.com/httpdocs/modules/mod_vtem_banners/helper.php on line 38

Proverbi

 

 

 

Marcillinaru

Italiano letterale

Li sordi dell'avaru se lli gode lu sciampagnò

I soldi dell'avaro se li gode lo scialacquatore

 

La via è dellu papa; chi ce piscia e chi ce caca !

La strada è del papa (memoria del governo papalino) ..........

 

Gghi finiru le nuci a Laluccu... !!

Finirono finalmente le noci a Lalucco! ( personaggio di Marcellina che tirava a campare con le noci )

 

Muccumau !... magni soria mezze !

Babbeo mangi sorbe non mature !

 

Dagghi e dagghi le cipolle deventanu agghi

Dai e dai... le cipolle diventano agli

 

Mittipecca stà alla porta più nne mette e più nne porta.

Il criticone sta sulla porta . Più critica e più viene criticato ( pecca = difetto )

 

Casa sea no mmena guerra

Stare a casa propria non genera guerre

 

Santa Netogghia! acqua allo turcu!

Santa Anatolia ! acqua al granturco ( 13 luglio ! )

 

Turulu 'nzaccu !.. drento lu saccu !!

Turulu nsacco!... dentro il sacco !

 

Te dò Roma e toma

Ti do Roma e toma ( ... e il resto . E' una minaccia )

 

Se tutti li cillitti conoscissiru lo ranu...!

Se tutti gli uccelli conoscessero il grano... !

 

che ttè a cche ffà lu vattu se lu padrò è mattu

Che colpa ha il gatto se il padrone è matto

 

ce té la vigna e non ce té capanna... quanno che piove te remitti 'n fregna

hai la vigna ma non la capanna... quando piove ti ripari in ....

 

macena molenaru mò che té l'acqua ... non aspettà che vè la secca

Macina o molinare ora che hai l'acqua ! non aspettar che venga la siccità

 

Chi s'addorme co li vatti s'arrizza co le puci

Chi si addormenta con i gatti si alza con le pulci

 

Femmone e focu s' hau da suzzulà ogni pocu

Femmine e fuoco debbono esser stuzzicate ogni tanto

 

Prima se sappa e pò se paga

Prima si zappa e poi si paga

 

Sì remasu come cuccuellu: scasu nuacchiu e senza cappellu

Sei rimasto come cuccuello: scalzo, nudo e senza cappello

 

Maggiu ortolanu tanta pagghia e gnente ranu

Maggio ortolano, tanta paglia e niente grano

 

Quanno m'ebbe quello che me parse
no me ne curo, o be' , se me te perse

quando ebbi ciò che mi parve, non mi preoccupo, o bella, se ti perdetti

 

La vigna è la tea, le cerase de padritu e le lie de nonneto

La vigna è tua ( l'hai pinatata tu), le ciliege di tuo padre, gli ulivi di tuo nonno

 

Quanno Monte gennaro rencappella... pusa la sappa e pigghja la 'mbrella

Quando Monte gennaro ha il cappello ( nubi) posa la zappa e prendi l'ombrella

 

Quanno che se fa scuru a Maccarese ... lassa la sappa e tornate al paese

Quando si fa scuro a Maccarese, lascia la zappa e tornatene al paese

 

magna quanno té fame e biastima quanno té raggio'

Mangia quando hai fame e bestemmia (grida, fatti sentire) quando hai ragione.