Un brindisi per gli Sposi

 

Logo SiParty                                                                                     

 Quante volte abbiamo sentito questa frase?  E quante volte l’abbiamo pronunciata? www.tipografiamontani.it Tante, innumerevoli volte; spesso senza neanche riflettere sul vero significato. Superato lo stress dei preparativi per un matrimonio, celebrata la cerimonia del matrimonio, scattate le foto del matrimonio, finalmente gli sposi arrivano al ristorante. www.relaisnadyne.it Il primo brindisi al matrimonio li coglie quasi di sorpresa davanti al buffet, per poi continuare ad libitum fino a tardo pomeriggio, compresi caffè e ammazzacaffè. Gli sposi sono talmente frastornati che non solo non sentono quei brindisi, ma probabilmente non hanno notato nemmeno il calice levato in alto dal sacerdote per la consacrazione del vino durante il rito del matrimonio. Forse neanche ricordano che di brindisi nella loro vita ne hanno fatti e ricevuti tantissimi. Ovviamente ogni brindisi è accompagnato da una coppa di spumante o da un calice di vino. Ergo, il vino accompagna tutta la nostra vita e ne scandisce le tappe salienti, anche se qualche volta quel vino neanche lo abbiamo bevuto:

Le auto d'epoca.

LE AUTO D'EPOCA NEL GIORNO DEL MATRIMONIO

·Per parlare di auto d’epoca, www.autonoleggiopercerimonia.it  è importante ripercorrere la· storia dell’ automobile. L’argomento è vasto e complesso e richiederebbe tutta una serie di ricerche, peraltro non facili perché alcuni dati storici sono imprecisi e poco attendibili. Possiamo comunque ripercorrere alcune tappe fondamentali che hanno

Le origini delle fedi.

Per conoscere e capire l’origine https://www.facebook.com/angelicaacconciature  delle fedi nuziali o vere, bisogna· andare molto indietro nel tempo, poiché si tratta di un’usanza antichissima. L’etimologia deriva dal latino anellus, diminutivo di “anus” (cerchio). Si tratta di un cerchietto usato per adornare le dita delle mani e, in alcune civiltà, anche dei piedi. In origine,· l’anellus fu concepito come simbolo di potere e superiorità verso il popolo, ma, nel corso dei secoli, è stato impiegato anche con funzioni diverse da quella decorativa.

Il linguaggio dei fiori.

  Il giorno del matrimonio, www.horios.it i fiori assumono un valore importantissimo in quanto sono l’elemento fondamentale ed· ornamentale di ogni luogo vissuto e visitato dalla sposa: la casa che sta per lasciare, le scale, l’androne, il portone, la chiesa ed il ristorante. Tutti questi ambienti saranno adornati come in un tripudio floreale ed ogni spazio sarà invaso da un profumo indefinito e quasi inebriante.

La scelta dei vini al pranzo.

Qual’è il criterio per scegliere i vini da abbinare ad un banchetto http://www.ristorantecenerentola.com/ ed in particolare ad un banchetto nuziale? Così su due piedi è impossibile dare una risposta al quesito. Sarà meglio un “ bianco ” o un “rosso”? Un vino“giovane”· o “ invecchiato”? A volte la scelta ricade sui vini rosati o sulle bollicine, veri e propri· jolly del panorama enologico. Decidere con quale “bottiglia” accompagnare uno o più piatti non è così facile  come sembra e neppure il miglior sommelier del mondo

La serenata.

L’usanza di fare la serenata prima del fatidico si  ha origini  www.danielegiovino.it  antichissime, soprattutto nel sud Italia. La sera prima del matrimonio, il futuro sposo si reca sotto il balcone dell'amata, in compagnia di cantori locali, e le dedica canzoni d'amore, in attesa che lei accenda la luce e si affacci. Sarà il suo "sì" pubblico e da quel momento inizia la festa, fra canti e buon cibo. I futuri sposi, davanti ad una folla di parenti, amici e